Casa di Riposo "Serse Panizzoni"

A tutti i familiari

A TUTTI I FAMILIARI: Prot. 1245  PROCEDURA DI GESTIONE DELLE VISITE E USCITE IN SICUREZZA   PREMESSE Il presente documento viene redatto sulla scorta delle disposizioni previste dall’Ordinanza del Ministero della Salute dell’8 maggio 2021, recante indicazioni sulle “modalità di accesso / uscita di ospiti e visitatori presso le strutture residenziali della rete territoriale”.

Data:
5 Ottobre 2021

A tutti i familiari

A TUTTI I FAMILIARI:

Prot. 1245

 PROCEDURA DI GESTIONE DELLE VISITE E USCITE IN SICUREZZA

 

PREMESSE

Il presente documento viene redatto sulla scorta delle disposizioni previste dall’Ordinanza del Ministero della Salute dell’8 maggio 2021, recante indicazioni sulle “modalità di accesso / uscita di ospiti e visitatori presso le strutture residenziali della rete territoriale”.

Le misure di seguito riportate sono finalizzate a consentire in sicurezza lo svolgimento delle visite agli ospiti e le uscite programmate degli stessi.

Resta inteso che, in base all’evoluzione dello scenario epidemiologico, le misure adottate potranno essere rimodulate, anche in senso più restrittivo.

 

1 – INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE

Per concordare il giorno e l’ora della visita i visitatori dovranno continuare a contattare la struttura preferibilmente tramite sms o un messaggio whatsApp al numero 379/1897238 indicando il proprio nome ed il nome dell’ospite, oppure chiamando il numero 0444/611200 interno 4.

Le visite dovranno essere sempre programmate e dovranno tener conto delle condizioni dell’ospite (età, fragilità, stato immunitario) e del visitatore, nonché delle mutabili condizioni epidemiologiche.

La pianificazione degli accessi e delle uscite dovrà tenere considerazione non solo i bisogni clinico-assistenziali-terapeutici, ma anche quelli psicologici, affettivi, educativi e formativi, sia dell’ospite che della famiglia di riferimento. Non ultimo, si terrà conto dell’aspetto strettamente giuridico, affinché la misura del distanziamento sociale non possa configurarsi come privazione arbitraria della libertà.

Lo scopo sarà di ponderare adeguatamente il calcolo rischi – benefici connesso alle visite in presenza, e di autorizzarle qualora si valuti che i benefici possano superare i rischi.

In ogni caso saranno sempre autorizzate le c.d. visite per “l’ultimo saluto”.

2 – CONDIZIONI DEL VISITATORE E CERTIFICAZIONE VERDE COVID – 19

Le VISITE, o visitatori, potranno accedere alla struttura solamente se in possesso di una delle certificazioni utili all’emissione della c.d. “certificazione verde” previsto dall’art. 9 del D.L. 52/21, ovvero:

  • Certificazione comprovante lo stato di avvenuta vaccinazione contro il SARS-Cov-2, con validità dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione della prima dose fino a 9 mesi dalla data di completamento del ciclo vaccinale;
  • Certificazione sanitaria di avvenuta guarigione da Covid-19, con validità pari a 6 mesi dall’avvenuta guarigione;
  • Certificazione sanitaria comprovante l’esito negativo di un test molecolare o antigenico rapido, con validità non anteriore alle 48 ore.

Al fine di garantire la riservatezza dei dati delle visite, il personale all’uopo preposto prenderà visione della documentazione sanitaria e consentirà l’accesso alla visita.

Ogni dato sanitario della visita dovrà essere distrutto se in possesso dell’Ente.

3 – MODALITA’ ORGANIZZATIVE GENERALI PER L’INGRESSO DEI VISITATORI

Nel rispetto delle norme e delle raccomandazioni di prevenzione previste nei documenti di carattere regionale e nazionale, la Direzione ha attivato, fin da inizio emergenza da Coronavirus e ancora in corso, la possibilità per tutti gli ospiti e familiari di effettuare videochiamate, per dare continuità al sostegno e supporto affettivo.

La Direzione ha poi attivato gli incontri attraverso il vetro o le postazioni protette da pannelli di plexiglass, modalità tuttora utilizzata nei casi di visitatori non in possesso di certificazione verde.

E’ stato attivato un sistema di programmazione delle visite agli ospiti della struttura compatibilmente con la disponibilità del personale, in modo da evitare assembramenti. E’ possibile prenotare la visita dal LUNEDì al VENERDì (ad esclusione del venerdì mattina) dalle ore 9.00 alle 11.00 e dalle 15.00 alle 17.00, il SABATO e la DOMENICA dalle 10.00 alle 11.00 e dalle 15.30 alle 17.00.

Durante la settimana verranno garantiti massimo sei visite contemporaneamente all’ora, mentre nel fine settimana due all’ora.

I visitatori non dovranno essere contemporaneamente più di 2 per ospite.

La durata della visita è pari a circa 60 minuti (compreso il tempo necessario per le verifiche anti Covid in accettazione).

Prima dell’incontro devono essere sempre rispettate le seguenti regole, pena il divieto di accesso alla struttura:

  • Esibire la certificazione Verde COVID-19 valida;
  • Indossare la mascherina FFP2 in modo costante e corretto;
  • Sottoporsi alla misurazione della temperatura corporea mediante termometro senza contatto;
  • Igienizzarsi le mani con gel idroalcolico fornito dal personale della struttura;
  • Firmare il registro delle presenze;
  • Al primo accesso compilare e sottoscrivere il “Patto di corresponsabilità”

Le visite saranno permesse solo entro gli appositi spazi previsti, ove altresì sono individuati i percorsi, compresi quelli di entrata/uscita separate.

Le visite non saranno ammesse nelle zone di degenza (camera e corridoio), fatte salve verifiche richieste dai familiari all’unità di degenza, cui si dovrà accedere solo mediante accompagnamento di personale dell’Ente e per brevi momenti.

Sono fatte salve le visite in camera per “l’ultimo saluto”, secondo la prassi nota (triage, disinfezione mani, DPI indossati, sosta per non più di 15 minuti).

Per ospiti allettati che non si possono spostare dalla camera si possono organizzare le visite, previa verifica in UOI, con modalità analoghe a quelle per “l’ultimo saluto”.

Nella valutazione delle condizioni logistiche si deve tenere in debito conto la presenza della “bolla covid” disponibile.

In caso di ospite positivo al Covid-19, l’accesso da parte del familiare nella stanza di isolamento deve essere prevista solo in caso di :

  • Ospite/paziente in prossimità alla fine della vita;
  • Altri specifici contesti a rischio di scompenso psichico;
  • Altre situazioni valutate dalla Direzione con l’UOI.

In questo caso il visitatore/familiare dovrà indossare tutti i DPI coerenti con le procedure in essere nel nucleo di isolamento e deve essere informato/formato/supportato circa i comportamenti da assumere.

4 – VALUTAZIONE DELLE CONDIZIONI EPIDEMIOLOGICHE

Nel caso di un’impennata di infezioni nel territorio, le visite in presenza si dovranno sospendere.

La UOI proporrà alla Direzione l’eventuale sospensione delle visite a causa delle condizioni epidemiologiche.

5 – RINFORZO FORMATIVO AL PERSONALE

Viene programmato per tutto il personale, nessuno escluso, un rinforzo formativo on the job, a cura dei referenti individuati (con professionalità sanitaria), in merito a:

  • La prevenzione della trasmissione delle infezioni;
  • L’uso corretto dei DPI;
  • Il distanziamento sociale;
  • L’igiene respiratoria;
  • La regolamentazione delle visite in struttura.

 6 – VIGILANZA

 Tutto il personale è chiamato a vigilare sul rispetto delle condizioni poste per le visite.

Chiunque noti una violazione delle regole, chiamerà immediatamente il responsabile in turno (coordinatore o infermiere) affinché venga fatta cessare immediatamente la violazione.

L’episodio dovrà essere valutato in UOI, da convocarsi tempestivamente, per le valutazioni del caso.

L’infermiere potrà, fin da subito, valutare se porre immediatamente in isolamento l’ospite a titolo precauzionale, a seguito della violazione.

 7 – RIENTRI IN FAMIGLIA E USCITE PROGRAMMATE DEGLI OSPITI

Tenuto conto della rilevanza ai fini del progetto assistenziale e del benessere psicosociale dei residenti, la Direzione garantisce la possibilità di uscite programmate degli ospiti e i rientri in famiglia.

Le uscite temporanee degli ospiti sono consentite per un tempo limitato e solo per ospiti e accompagnatori in possesso di green pass.

Dopo 48 ore dall’uscita, l’ospite sarà sottoposto a test molecolare antigenico rapido di III generazione.

La UOI, con l’eventuale coinvolgimento del Medico Coordinatore, si riserva di valutare se necessaria l’esecuzione di tamponi antigenici rapidi anche per le persone in possesso della certificazione verde COVID e di confermare o meno se l’ospite è in condizioni psicofisiche per poter uscire.

Si raccomanda agli accompagnatori di indossare la mascherina FFP2 per tutto il tempo dell’uscita (togliendo il solo tempo di eventuali consumazioni), di evitare luoghi di assembramento e di non mettere in contatto l’ospite con persone sprovviste di green pass; a questo proposito la UOI favorisce a titolo esclusivo i rientri in famiglia, ed evita, se non per casi particolare da valutare al momento della richiesta, di consentire le uscite dell’ospite verso luoghi o esercizi pubblici.

8 – PATTO DI CORRESPONSABILITA’

Ogni VISITA deve sottoscrivere il PATTO DI CORRESPONSABILITA’, contenente anche condizioni a cui la visita deve sottostare per accedere alla struttura, in particolare:

  • evitare di recarsi in struttura in presenza di sintomi riconducibili ad infezione da Covid-19;
  • rispettare le regole previste dalla Casa di Riposo durante la permanenza in struttura, in particolare per ciò che concerne i seguenti obblighi:
    • arrivare con dotazione di mascherina filtrante FFP2, da indossare costantemente, (è permesso toglierla solo temporaneamente per il tempo di consumare i prodotti dei distributori automatici all’esterno della struttura);
    • misurare la temperatura corporea prima dell’ingresso, presso la postazione automatizzata;
    • firmare l’apposito registro di presenza al momento dell’ingresso;
    • utilizzare il gel idralcolico messo a disposizione, prima dell’ingresso e ogni volta che le mani vengono in contatto con superfici;
    • rispettare rigorosamente i percorsi predefiniti;
    • evitare l’introduzione di cibi e bevande;
    • consegnare materiale per l’ospite solo al personale;
    • evitare baci e abbracci all’ospite;
    • mantenere costantemente un distanziamento obbligatorio di almeno 2 metri da altri residenti e visitatori;
    • all’interno, sostare in un unico luogo evitando spostamenti;
    • preferire, con il bel tempo, gli ampi spazi all’aperto a disposizione;
    • impegnarsi ad adottare, al di fuori del tempo trascorso in struttura, comportamenti di massima precauzione;
  • avvisare la Casa di Riposo dell’insorgenza di sintomatologia sospetta per Covid 19 o confermata diagnosi nei cinque giorni successivi alla visita;
  • auto-monitorare costantemente le proprie condizioni di salute, quelle dei propri familiari e conviventi (contatti stretti), avvalendosi anche del supporto del Medico di Medicina Generale e del Pediatra di Libera Scelta di riferimento

9 – ALLEGATI

Allegati al presente documento:

  • Patto di responsabilità reciproca e di condivisione del rischio;

Santa Maria di Camisano Vicentino, lì 23/09/2021

 

 

F.to

IL DIRETTORE

Dalla Pozza dott.ssa Maddalena

 

Ultimo aggiornamento

5 Ottobre 2021, 12:37